Giorno 1 Enipeas Canyon 08/06/17

 

Atterrati il giorno pregedente a Salonicco ci siamo spostati in auto sotto il mitico Monte Olimpo dove abbiamo intrapreso la discesa dalla parte finale del Enipeas Canyon.

La forra è molto carina e ha due bei tratti inforratti, il primo dei quali molto stretto dove la luce fatica a penetrare. Le acque cristalline ,che provengono dai piccoli nevai ancora presenti nei canaloni nord del monte Olimpo, permettono una facile valutazione delle pozze e di conseguenza la possibilità di fare nmerosi tuffi è alta rendendola discesa divertente restando sempre molto Easy.

Alla fine della discesa abbiamo usato la corda solo 2 volte per una percorrenza di poco inferiore all’ora, una simpatica discesa ideale per occupare unapiccola parte della giornata.

Riordinato tutto il materiale e caricato in auto siamo partiti in direzione di Alessandropoli, circa 4 ore di starda scorrevole, giunti nella città e dopo esserci fatti una buona e sana mangiata di pesce in un ristorantino tipico nei pressi del porto, ci siamo imbarcati sul piccolo traghetto che ci ha condotti , finalmente, alla nostra meta Samotracia!

L’isola ha delle dimensioni ridotte ed è la tipica isola Greca di 20 anni fa , pochi abitanti, un turismo pigro e una quantità smodata di ristoranti. C’è da dire che però rispetto alle classiche isole greche Eros, nome greco di Samotracia, ha il il Monte Fengari che con i suoi  1600 di quota è un imponente massiccio granitico che domina l’isola.

Il monte Fengari è l’elemento fondamentale che ci ha attirati su questa lontana isola greca situata ai confini con la Turchia, infatti grazie alla sua conformazione e alla sua quota rende possibili delle precipitazioni niviali che alimento delle falde sotterranee che danno scorrimento a molti corsi d’acqua per un lungo periodo se non per tutto l’anno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *