Imbrago : CANYON.ZERO

La prima volta che ho visto “canyon.zero” ho pensato “mah, sembra un imbraco da surf, così leggero, così fasciante nella zona lombosacrale….quel doppio ponte, l’o-ring system e la fettuccia…chissà..” .

Ho avuto l’opportunità di provarlo in seguito: scoprire lo zaino più leggero negli avvicinamenti è solo la punta dell’iceberg delle sorprese che riserva quest’imbrago entrato in punta di piedi sul mercato, ma che credo si farà ben presto strada. La leggerezza, infatti, non va a discapito dell’ottima organizzazione strategica dei vari punti chiave ( i due ponti lavorano efficacemente: quello inferiore, metallico come supporto per bloccante di risalita e per longes, quello superiore, in fettuccia per discensore, sono posizionati e strutturati in modo da rendere efficace al massimo la distribuzione dei pesi sulle fettucce che collegano fascia a cosciali e al contempo dichiarano l’altezza ideale per il bloccante di risalita e per il discensore) né tanto meno alla sicurezza ( 15kn a ponte).

Finezza per eventuali soccorritori : oltre a permettere una buona escursione del discensore destra sinistra che agevola nettamente la lettura della traiettoria ideale di calata ,il ponte tessile funge da fusibile sacrificabile senza problemi poiché la corda per le manovre di soccorso trova nell’O- system il naturale punto di attacco.

Chi di noi non ha mai dovuto rimanere a lungo appeso in sosta per i più disparati morivi? Chi non ha mai sofferto , più o meno signorilmente, di snervanti dolori alla schiena in seguito a queste occasioni? O semplicemente nei percorsi più lunghi tutti abbiamo risentito per lo meno di indolenzimento lombosacrale.

E’ stato con piacevole stupore che mi sono resa conto di quanto la fascia posteriore alta, che avvolge e accompagna tutta la zona , aiuti ad alleggerire la compressione e , conseguentemente, allevi il senso di pesantezza e di irrigidimento.

Il “canyon.zero” ha in serbo tante altre piccole astuzie per quanto concerne le coulottes in pvc , i diversi porta-materiali, e gli anelli aggancia-zaino, chicche che completano il quadro, a mio avviso davvero positivo. In due parole? Sicurezza e comodità e ad un prezzo decisamente equo, particolare non da poco per una ligure come me…. Buone forre, sempre!

Potete trovare altre info direttamente sul sito del produttore: www.professionecanyon.it

Articolo scritto da Maria Franca Lepre che ringrazio per la collaborazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *