Creta 2012

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Ciao a tutti, Questo è il breve resoconto sulla trasferta di 7 gg a Creta, in compagnia della Fede di Lucien di Luca e Carla. Bellissima esperienza su un’isola veramente bella e selvaggia sulla quale sembra che il tempo si sia fermato, con dei bellissimi scorci rurali e paesini di pescatori davvero isolati.
Noi ci siamo concentrati sui canyon della costa sud est dell’isola, che poi sono i più interessanti, in 5 gg effettivi di permanenza a Creta siamo riuschiti a percorrere 7 forre: Portela, Arvi, Ha, Penagia (Kalami2), Kalami 1, Tsoutsouros e Kavousi.
Da segnalare sicuramente degne di nota anche il Paraninfi con la sua verticale da 150 m e il Laphatos con i suoi 900m di dislivello (da noi non percorsi).
Caratteristica predominante in quasi tutte le forre è la possibilità di avvicinamento con navetta, molto comoda!
Se si tralascia che le strade Cretesi fanno pietà, lunghissime piene di curve e molto spesso sterrate ( si consiglia per le auto a noleggio l’assicurazione opzionale su fondo della vettura e sulle gomme).
Noi abbiamo scelto come base logistica Ierapetra, circa 1,5 h dal’aereoporto di Heraklion presso il Cretan Villa hotel (www.cretan-villa.com) un pò di pubblicità al buon Manos, a mio avviso si potrebbe anche alloggiare a Mirtos 15 km più vicino alla zona dei canyon ma sicuramente più defilato e con meno servizi.
Voli: scalo obbligatorio ad Atene, noi abbiamo volato con la Egean compagnia di bandiera Greca a prezzi contenuti.
Noleggio auto : abbiamo utilizzato l’ormai collaudato servizio di Economycarrental.com
 Forre : descriverò in breve le 3 più significative.

PORTELLA
Forra molto bella situata nel comune di Keratocampos direi una delle tre più belle dell’isola, la si può suddividere in tre distinti itinerari torrentistici:
1: la prima parte è quella che noi abbiamo trovato con più scorrimento, è un luogo molto carino che passa attraverso 2 distinti inforramenti intramezzati da una zona con spiaggetta ideale per il pik nik, da notare la prima calata con i suoi 2 sifoni e la risalita di 7 m per uscire dalla seconda pozza sfondata e sifonata, oltre qualche bel toboga e tuffo che non guasta mai; in tutto 8 calate max 13m.
2: sicuramente la parte più bella maestosa e lunga della forra, noi l’abbiamo trovata per metà senza scorrimento e per metà con 3 lt/s quindi quasi nullo. In questa parte sono da notare le belle pozze profonde alcune asciutte e altre con una h2o a volte poco invitante, le calate con armi esposti, gli archi di roccia e i numerosi tuffi possibili che noi non abbiamo potuto fare per i sopra citati motivi ( mi tocca tornare a rifarlo caspita che peccato!!!!!); in totale 13 calate max 35 m
3: la parte più corta del percorso 5 calate max 25 m, la morfologia carsica del luogo ci ha fatto trovare scorrimento nei primi 2/3 di forra e le ultime due calate completamente asciutte.
In definitiva veramente una bella forra in una giornata soleggiata con temperature fantastiche.
entrata 375m ( 035° 01.473N / 025° 22.931E )
ucsita 10m ( 035° 00.321N / 025° 23.256E )
dislivello 365
sviluppo 3 km
temp di percorrenza 6/7 h
armi ok
navetta 7 km
voto 3.5

HA CANYON
Altro dei top 3 dell’isola è siatuato nelle vicinanze di Ierapetra presso il piccolo borgo di Monastiraki, anche qui una bella navetta di 15 km vi porta a monte della partenza del canyon (direzione Thripti) che si può raggiunge con 10 m di “sentierino” in discesa.

Forra lunga e verticale 1.6km x 230 m con molte piccole verticali max 30 m, tempo di percorrenza in condizioni di scorrimento: 4h in assenza ,volendo evitare le pozze putride 5,5h. Abbiamo trovato la forra inizialmente con un minimo scorrimento che presto è scomparso.
Molto bella e ben incassata che divide un imponente massiccio roccioso, il fatto di trovarla senza h2o l’ha resa strana ma comunque molto intressante e ci ha permesso di sperimentare e rispolverare tecniche che solitamente non sono solito utilizzare (teleferiche etc..). La forra finisce quando si giunge alla briglia di captazione dopo la quale vi sono altre 2 calate evitabili in riva dx.

gps in 035° 04.991n 025° 50.708e
gps out 035° 05.140n 025° 50.024e

ARVI
Ultimo dei top 3 ed anche il più acquatico, quando l’abbiamo fatto noi portava circa 30 t/s , gli armi sono in discrete condizioni, unica nota negativa che si può trovare in questo canyon è l’immane presenza di tubi in pvc nero presenti per tutto il primo terzo di forra, i Greci ad ogni piena ne posizionano di nuovi ignorando quelli divelti in precedenza e di conseguenza, ad inizio forra, vi è un gran caos un vero dedalo di tubi.
Da notare la bellissima calata da 8m frazionata a meta sia a dx che sx, che in caso di portate notevoli è armata molto esposta tramite un mancorrente aereo (munirsi di staffe di almeno 3).
Situato nel comune di arvi ha anch’esso una bella navetta di 10.2 km (direzione Amiras) di qui gli ultimi 2 sterrati percorribili con auto normali.
tempi : avv 5m rientro 5m discesa 2.5h
la forra è 1.7 km x 253 m corda da 50
gps in 035° 00.574n 025° 27.20e
gps out 035° 00.099n 025° 27.506e

LE ALTRE FORRE:
TSOUTSOUROS
KALAMI 1
KAVIOUSOU
PENAGIA (Kalami 2)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *